Piano_bis-tara_numeri-strategia

Numeri & strategia sono due facce della stessa medaglia.

Chi fa strategia e chi si occupa di numeri sono generalmente associati in azienda a due figure distinte: imprenditore e CFO/responsabile amministrazione-finanza-controllo. 

Senza troppo generalizzare, di solito:

  1. l’imprenditore si occupa di “strategia”, sviluppa il business. E’ sempre a caccia di nuove soluzioni, passa le giornate coordinando il team e cercando di intercettare le novità presenti sul mercato e come integrarle nella propria impresa, per poter costantemente essere sulla cresta dell’onda e acquisire nuovi clienti. Inarrestabile, con lo sguardo proiettato in avanti vede il futuro. Nutre l’impresa come fosse una figlia: ne vede il valore strategico;
  2. il CFO/controller “vola più basso”: tiene ben saldi i cordoni della borsa, sa bene che un’impresa per poter restare sul mercato deve portare avanti attività che marginano e generano liquidità e dar vita a nuove progettualità senza dissanguare l’impresa per poterle realizzare. Ha i piedi per terra, sa quanti soldi ci sono sui conti e quanti ne arriveranno. E’ un controllore: vede il valore in euro dell’impresa.

In aziende più piccole, molto spesso questo CFO non c’è, ma magari ci sono dei consulenti esterni o il commercialista.

Numeri & strategia sono due facce della stessa medaglia e la medaglia impresa vale solo se ha entrambe le facce!

Eppure molto spesso imprenditore e controller non vanno a braccetto.

Si pianifica poco, si pianifica male…”perché tanto il contesto è volubile, prendiamo quello che viene e avanti tutta: teniamo la contabilità e poi a fine anno…si vedrà!”.

Solo che questo è molto pericoloso in un contesto come quello attuale, estremamente liquido e reso ancora più liquido dall’emergenza Covid19.

Quali sono stati gli effetti del Covid sulla sostenibilità delle nostre imprese?

Come rivedere la propria strategia per poter essere ancora competitivi e proattivi?

Quali risorse mettere oggi in campo per poter evolvere?

Lavorare “per intuizioni” è fondamentale perché consente di cogliere le nuove opportunità, ma oggi non è sufficiente. E’ necessario fermarsi e “far di conto”: capire se le nuove occasioni sono davvero tali e quando si trasformeranno in cash.

Il controllo dei numeri consente di avere un bel cruscotto davanti al timone, per orientare la scelta della rotta e raggiungere il tesoro.

E’ un dialogo da affinare giorno dopo giorno. 

La presa di decisioni strategiche sbagliate oggi rischia di essere fatale domani. 

Una buona pianificazione aiuta a tracciare la rotta e mantenerla o -se necessario- variarla senza troppa fatica e dispendio di risorse.