Piano-bis-avvio-impresa-errori-da-evitare

I PASSI FONDAMENTALI DELL’AVVIO D’IMPRESA

Hai una nuova idea imprenditoriale che ti assilla da tempo? Per quanto sia geniale, se non si seguono determinati passi fondamentali si rischia di perdere tempo, energie e risorse.

Prima di tutto una buona notizia: la famosa percentuale che profetizza un fallimento per l’80%-90% delle nuove imprese dopo il primo anno è una fake news. Non esiste letteratura a riguardo e gli studi in merito sono fortunatamente molto più rosei.

Dunque mettiamo da parte il terrorismo psicologico caro ad alcuni consulenti! Ma ci sono in ogni caso delle ottime ragioni per le quali è fondamentale procedere gradualmente e in maniera strutturata prima di lanciarsi in una nuova avventura imprenditoriale.

GLI ERRORI PIU’ COMUNI

Spesso accogliamo imprenditori o futuri imprenditori che arrivano da Piano Bis perché si trovano ad un punto di stallo dopo aver investito mesi – a volte anni – nella strutturazione del proprio progetto.

Gli errori sono sempre i medesimi:

1) non hanno identificato un cliente specifico di partenza ma confidano nel fatto che il proprio prodotto o servizio possa essere immediatamente venduto a tutti o comunque ad un larghissimo pubblico

2) non hanno validato il mercato, ovvero non hanno strutturato una corretta ricerca dei competitors diretti e indiretti. Spesso pensano che, proprio perché la propria idea è “innovativa”, possa non esistere un mercato di riferimento

3) non hanno validato il prodotto/servizio, ovvero, hanno strutturato l’intero progetto in funzione dei propri bisogni e delle proprie preferenze, immaginando che possano valere per tutti

4) sono scesi talmente nel dettaglio da vedere il proprio prodotto/servizio già come reale e perdendo la visione generale

Come fare per evitare questi quattro errori nell’avvio d’impresa?

Prima di tutto con un cambio di approccio generale e poi seguendo quattro azioni specifiche che approfondiremo nei prossimi articoli.